Guida alle soluzioni e ai Servizi per il mondo finanziario.

KLINE srl

    • I clienti, nostri migliori alleati

      KLINE MODULA L’OFFERTA PER AIUTARE IL MONDO FINANCE AD ATTINGERE A INFORMAZIONI IN REAL TIME QUANDO OCCORRE. L’IMPEGNO NEI CONFRONTI DEL BUSINESS PROCESS OUTSOURCING PER “LIBERARE” DALLA GESTIONE DI HARDWARE, SOFTWARE E ORGANIZZAZIONE

      Accompagnare il cliente Finance verso l’evoluzione digitale e tecnologica costante significa anche, se si è un fornitore che ben conosce i trend del mercato, adoperarsi per consegnare non più e non solo prodotti completi ma, in questo periodo, parti o semplici elementi che aiutino a risolvere problemi specifici.
      Kline, guidata dall’amministratore delegato Stefano Limonta, sta lavorando seguendo questa direttrice; supportata dall’area Ricerca e Sviluppo, l’azienda ha investito per esempio, nell’ultimo anno, nella gestione del rischio, ottenendo importanti ritorni.
      «Il motivo è abbastanza chiaro – precisa l’Amministratore Delegato Limonta – il mondo Finance si sta portando verso l’analisi dei dati e una gestione delle situazioni del momento, penso al portafoglio clienti e all’andamento delle banche stesse. Ciò richiede una visione in real time associata ad una visione prospettica, potendo usufruire di scenari che facciano comprendere rapidamente come muoversi e quali decisioni adottare a fronte di un certo avvenimento».
      Per seguire con maggiore attenzione questa parte del business, due anni fa Kline ha stretto una partnership con un’azienda statunitense proprietaria di un in-memory DB, una struttura che analizza milioni di dati in frazioni di secondo. «In questo modo possiamo garantire al cliente una visione istantanea dei dati. Il processo è simile a quanto avviene in ambito Telco per l’analisi delle chiamate, o nel gaming, o nell’adv on line, solo applicato all’ambito Finance. «ll nostro è il primo case study relativo all’analisi dei portafogli dei clienti Finance».
      Richieste in merito alla gestione-conoscenza-analisi del dato in real time provengono a Kline da istituti di ogni dimensione: «Dal punto di vista metodologico la necessità è analoga per tutti, certo poi cambiano, a seconda del tipo di banca, le esigenze e gli investimenti correlati. Certamente il mercato sta andando in quella direzione», precisa Limonta.
      A parere dell’amministratore delegato, gli intermediari necessitavano, sino a poco tempo fa, di un unico prodotto integrato, per comprendere l’operatività. Oggi si preferisce frammentare gli applicativi per avere, per ogni aspetto che si intende analizzare, in quel dato istante, la migliore soluzione possibile. «Tale frammentazione implica la presenza di più players e non di un unico fornitore, ma questa rinnovata competizione non è negativa: aiuta a far evolvere il mercato».

      La personalizzazione in mano alla banca
      Le soluzioni innovative proposte da Kline nascono all’interno dell’area Ricerca e Sviluppo, composta da quattro persone. La struttura è nata da poco e comprende al suo interno ingegneri matematici “prestati” all’informatica specializzati in innovazione. «Si badi, con innovazione non intendiamo una semplice novità di prodotto: a loro è richiesto di inserire precise competenze in specifiche aree, in modo da tradurre il tutto in moduli di prodotti nuovi, per garantire funzionalità a valore aggiunto. Non stiamo parlando più del classico gestionale che memorizza i soli dati, ma di una visione differente dei dati, che consenta di prendere decisioni più smart».
      Da un anno a questa parte, Kline con i suoi specialisti è andata anche oltre. Se la sfida è quella di rispondere a un mercato sempre più veloce, al punto che è davvero difficile garantire il time to market, sviluppare ad hoc funzioni e procedure, perché non integrare ai sistemi qualcosa di semplice e di personalizzabile? In poche parole, l’azienda consente oggi ai responsabili IT dei propri clienti di scrivere propri pezzi di codice che si integrano nel gestionale base, per ricevere risposte immediate a un quesito pressante. «Mentre alcuni sviluppi permangono strutturali – si pensi alle soluzioni per la compliance rispetto a Mifid 2, alle segnalazioni per la Banca d’Italia – altri possono essere più flessibili. Se un utente necessita di una procedura che elabori una serie di dati che gli occorrono per dare visibilità a un certo trend, e la richiesta è unicamente di questo momento, è possibile predisporre la funzione in autonomia». Anche questa funzionalità è per Kline fonte di soddisfazione. Si pensi ai questionari di adeguatezza, correlati agli algoritmi di calcolo che classificano il cliente sulla base del rischio: «Abbiamo costruito un ambiente dove sono i clienti stessi a definire le domande, le risposte e l’algoritmo di calcolo, senza sviluppi personalizzati».


      La soluzione del Business Process Outsourcing

      Da due anni a questa parte Kline ha intrapreso anche la strada del Business Process Outsourcing per rispondere a esplicite richieste dei clienti. «Da più parti – spiega Stefano Limonta – ci proviene la richiesta di servizi non solo tecnologici, ma anche di tipo amministrativo. Abbiamo così costituito un veicolo nuovo, partecipato da una società quotata specializzata in BPO. Mikono – che significa “braccio”, questo il nome del veicolo – ha proprio lo scopo di essere d’aiuto ai clienti che vogliono mantenersi “leggeri” ed esternalizzare tutte le attività senza valore aggiunto, come la gestione delle macchine, degli applicativi, delle risorse e dei processi interni, nel segno della più assoluta flessibilità».
    • Clients: our closest allies

      KLINE OFFERS MODULAR SERVICES TO HELP THE WORLD OF FINANCE ACCESS INFORMATION IN REAL TIME, WHENEVER IT IS NEEDED. ITS COMMITMENT TO BUSINESS PROCESS OUTSOURCING "FREES" COMPANIES FROM HARDWARE, SOFTWARE AND ORGANISATION MANAGEMENT

      For a supplier with a good awareness of market trends, guiding Finance customers towards ongoing digital and technological evolution also means striving to deliver more than just complete products: at this time, parts or simple elements that help to resolve specific problems are also required.
      Kline, led by CEO Stefano Limonta, follows this policy in its work; for example, over the last year, supported by the Research and Development department, the company has invested in risk management, with significant returns.
      "The reason is quite clear", points out Limonta, the company's CEO. "The world of Finance is moving towards data analysis and the management of current situations – I'm thinking of customer portfolios and the performance of the banks themselves. This necessitates a real-time vision linked to a prospective vision, whereby we can make use of scenarios that help us to quickly understand how to act and what decisions to take when faced with certain circumstances". Two years ago, in order to keep a closer eye on this side of the business, Kline struck up a partnership with a US company that owns an in-memory DB, a structure that analyses millions of data points in a fraction of a second. "In this way, we can guarantee an instant overview of the data for our customer. The process is similar to the one used in the Telco world for call analysis, in gaming or in online advertising, just applied to the Finance industry. "Ours is the first case study related to the analysis of the portfolios of Finance customers".
      Kline receives requests regarding the real-time management, awareness and analysis of data from institutions of all sizes: "From a methodological point of view, they all have the same need. Of course, the requirements and the related investments then change depending on the type of bank. The market is undoubtedly moving in that direction", explains Limonta.
      Until recently, in the CEO's view, intermediaries needed a single integrated product in order to gain an understanding of their operativeness. Today, splitting out the applications is the preferred approach in order to get the best possible solution at any given moment for each aspect to be analysed. "This fragmentation implies the presence of several players rather than a single supplier, but this renewed competition is not negative: it helps make the market evolve".

      Personalisation in the bank's hands
      The innovative solutions offered by Kline originate from the Research and Development department, made up of four people. The team was established recently and includes mathematical engineers specialised in innovation and "loaned out" to IT. "Mind you, by ‘innovation’ we don't simply mean the latest products: the team is asked to insert defined skills in specific areas in order to translate the whole thing into new product modules, guaranteeing functionality with added value. We are no longer talking about the classic management platform that simply stores data: this is a different vision of data that allows customers to make smarter decisions".
      Over the past year, Kline and its specialists have gone even further. If the challenge is to respond to a market that moves increasingly fast, to the point that it becomes very difficult to guarantee time to market and to develop custom features and procedures, why not integrate something simple and customisable into the systems? In a nutshell, the company now allows its customers' IT managers to write their own pieces of code that are integrated into the basic management software, providing immediate answers to pressing needs. "While some developments remain structural – such as the solutions for compliance with respect to MiFID II and for reporting to the Bank of Italy – others may be more flexible. If users need a procedure that processes a series of data points in order to give them visibility over a certain trend, and if the request is for a limited time only, they can prepare this feature independently". For Kline, this functionality is another source of satisfaction. Consider the suitability questionnaires linked to the calculation algorithms that classify clients on the basis of risk: "We have created an environment where clients themselves define the questions, the answers and the calculation algorithm, without any personalised development".

      The Business Process Outsourcing solution
      For the past two years, Kline has also gone down the Business Process Outsourcing route in order to respond to its customers’ express requests. Stefano Limonta explains: "There is a widespread demand for us to provide services that are not only technology-based but also of an administrative nature. We therefore set up a new vehicle with the involvement of a listed company that specialises in BPO. This vehicle is called Mikono, which means "arm", and its aim is to help customers who want to keep themselves "light" and outsource all activities without added value, such as the management of machinery, applications, resources and internal processes, in the name of absolute flexibility".

  • KLINE srl
  • Via Giacomo Puccini 5
  • 20121 Milano MI - Italia
Stefano Limonta,Amministratore Delegato di Kline

Stefano Limonta,
Amministratore Delegato di Kline

Scrivici per essere su TopVendors!

Confermo di aver letto la normativa in materia della privacy e trattamento dei dati personali.

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

Designed by f14web.pro & carchidio.com

Questo sito utilizza cookies per garantire le proprie funzionalità ed agevolare la navigazione agli utenti, secondo la Cookie Policy. Cliccando "Acconsenti" l'utente accetta detto utilizzo.