The most complete guide to software, hardware and services for the banking sector.
  • Company
  • CSE Consorzio Servizi Bancari Soc.Cons.a r.l.

CSE Consorzio Servizi Bancari Soc.Cons.a r.l.

    • Partnership beyond full outsourcing

      The CSE Group accompanies customers on a process of streamlining, innovation and smart management of the utilities. Farewell to the traditional bank model, welcome to flexibility

      The banking market is undergoing radical transformation driven by two key motivators: the end consumers, whose normal use of financial services has changed radically, and the macroeconomic scenario, which obliges institutions to seek a new model of business aimed towards finding a new economic equilibrium. Positioned precisely in the middle, with its service offering, the CSE Group is strengthened by its 200 billion intermediaries and 9 million end clients managed, for a total of 20 million operations performed each day.
      The combination of the two elements above requires the banks to undergo a profound transformation. In this regard, the CEO of CSE Vittorio Lombardi explains, "The banks are in fact moving from a 'traditional' model, consisting of long-term evolutionary lines based on the long-term relationships and the supply of traditional products, to a model that is flexible and articulated, which operates on multiple sales channels and follows highly-differentiated business development lines." This element is greatly impacting upon the digital transformation of the business, which, in Lombardi's view, will mainly transfer into two areas: the relationship with customers and the operational processes. "In the first case, the priority is to redesign the channels, aimed towards extending the range of services offered and the client-bank interaction model. With digitisation, in fact, the end customer becomes part of the bank's operational process. With regards to the impact of digitisation on processes, however, the priorities for action are guided by the introduction of technologies that automate or even eliminate steps that do not generate value and which reduce operational risks through robotics and document digitisation."
      Today, CSE's offer is truly comprehensive and covers not only applications, but outsourcing processes and fleet management of tools for progressive branches. The areas of greatest investment are those that concern the most contemporary issues and which are impacted most by market developments: digitisation, credit and compliance (an ever-more 'invasive' presence). "There are several solutions we have implemented, including the Credit Portal, an innovative credit management workflow that, starting from the first commercial contact, guides the client and the bank into a fully-automated process and is consistent with the rules of credit established by the bank, whilst simultaneously verifying the total regulatory compliance." A unique innovation is related to the online sale of products: an integrated solution of systems, resources and processes that enables the bank to activate online sales of products, quickly and without impact on the structure, sustained by the advisory and operational supports. A further evolution of value concerns end-to-end processes: CSE's service offerings can be divided to provide turnkey processes integrated with the customer's technical and organisational context.
      To fully respond to the market undergoing a process of change, CSE has outsourced its own business model. Lombardi explains, "By leaving out the full traditional outsourcing of CSE, based on a well-consolidated model and logic, it can be said that, in general, where process outsourcing is concerned, the relationship with banks is evolving more and more towards a partnerships of logic, with the sharing of objectives, but also of risks, both operational and economic. There is, in fact, no reference model, but we are researching solutions that are consistent with the needs of each entity, with the goal of aligning outsourcer solutions with customer goals."
      Precisely in relation to the customer's objectives, CSE points out how the banks are currently particularly interested in the areas related to the transformation of their business model: research and differentiation of revenues and credit management. "The first field generates a strong interest in the solutions that are useful for managing savings - the greater focus on affluent customers coupled with industry-led technology and process solutions, leads to accessing evolved advisory solutions that have long been unmanageable in this customer segment. On the other hand, as regards credits, we see an increasingly frequent recourse to solutions aimed at the careful management of capital absorption and liquidity generation, with securitisation, transfers and trading portfolios."

      The "banking" expertise
      CSE's fundamental role is obviously covered by their own people. Also in this case, explains the CEO, "We can boast of extensive experience coupled with a range of complementary roles that enable the tackling of issues proposed by the customers in a transversal way and with the ability to provide consultancy with the expertise of those who oversee more than 120 customers in all areas of the credit and finance sector." In addition, one element not to be overlooked is the fact that many resources have previous experiences in CSE, in the bank. "This feature plays an important role, since it has helped to form resources having a much more functional and less technical aspect, hence being more in line with the business and the goals of its customers."

      From peer-to-peer to consultation: success stories
      CSE can boast several successful cases that have come been concluded in recent months. They all share a transversally-valid approach which starts from the capacity to unite different components by integrating their own systems or those of third parties and of back-office systems, for a quick end-to-end process with a clear focus on compliance.
      "Recent examples are the startup of peer-to-peer payment initiatives, new banks that have started selling online deposit accounts from a few units to more than 250 rapports per day, and successful financial advisory initiatives that have allowed for a primary client to grow in terms of masses, by around 5 billion euro in one year."
      In all cases, and with all customers, CSE brings its distinctive qualities in terms of system flexibility, process integration, resource skills, and governance. "These are the elements that render us unique. In CSE, in fact, the Board of Directors is composed solely of senior management figures of client banks. This is a very effective driver in coordinating the outsourcer activities with the evolutive strategies of banks," concludes Lombardi.
       
       
    • Oltre il full outsourcing, la partnership

      Il Gruppo Cse accompagna i clienti verso il ridisegno dei processi, l’innovazione, le modalità smart di gestione dell’utenza. Addio modello tradizionale di banca, benvenuta flessibilità

      Il mercato delle banche sta subendo una radicale trasformazione guidata da due driver fondamentali: i clienti finali, le cui abitudini di utilizzo di servizi finanziari sono radicalmente modificate, e lo scenario macroeconomico, che obbliga gli istituti a ricercare un nuovo modello di business finalizzato a trovare un nuovo equilibrio economico. Esattamente nel mezzo si trova, con la sua offerta di servizi, il Gruppo Cse, forte dei suoi 200 miliardi di volumi intermediati e dei 9 milioni di clienti finali gestiti, per un totale di 20 milioni di operazioni eseguite al giorno.
      La combinazione dei due elementi di cui sopra richiede alle banche una profonda trasformazione. Spiega a questo proposito l’amministratore delegato di Cse Vittorio Lombardi: «Le banche devono infatti passare da un modello “tradizionale”, composto da linee evolutive basate su rapporti di lungo periodo e la fornitura di prodotti tradizionali, a un
      modello flessibile e articolato, che opera su molteplici canali di vendita e segue linee di sviluppo del business molto differenziate». Elemento estremamente impattante sarà quello della trasformazione
      in senso digitale del business, che a parere di Lombardi si riverserà principalmente su due ambiti: il rapporto con i clienti e i processi operativi. «Nel primo caso, la priorità è il ridisegno dei canali, volto a estendere la gamma di servizi offerti e il modello di interazione banca–cliente; con la digitalizzazione, infatti, il cliente finale diventa parte del processo operativo della banca. Per quanto riguarda l’impatto della digitalizzazione sui processi, invece, le priorità di azione sono guidate dall’introduzione di tecnologie che permettono di automatizzare o addirittura eliminare passaggi che non generano valore e ridurre i rischi operativi grazie a robotica e digitalizzazione documentale».
      L’offerta di Cse è ad oggi a tutto tondo e copre non solo applicazioni, ma anche esternalizzazione di processi e fleet management di strumenti per le filiali evolute. Le aree di maggiore investimento sono quelle che riguardano i temi più attuali e che sono impattati maggiormente dalle evoluzioni del mercato: digitalizzazione, credito e compliance (presenza sempre più “invasiva”). «Diverse sono le soluzioni che abbiamo realizzato tra cui il Portale del Credito, un innovativo workflow di gestione del credito che, partendo dal primo contatto commerciale, guida cliente e banca in un processo automatizzato totalmente digitale e coerente con le regole di credito decise dalla banca, verificando, nel contempo la totale compliance normativa». Una seconda innovazione è relativa alla vendita online di prodotti: una soluzione integrata di sistemi, risorse e processi che permette alla banca di attivare, velocemente e senza impatti sulla struttura, la vendita online di prodotti affiancata da un supporto di natura consulenziale e operativa. Una ulteriore evoluzione di valore riguarda i processi end–to end: l’offerta di servizi Cse può essere frazionata per fornire processi “chiavi in mano” integrati con il contesto tecnologico/ organizzativo del cliente.
      Per rispondere compiutamente al mercato in fase di cambiamento, Cse ha ottimizzato il proprio modello di business. Spiega Lombardi: «Tralasciando il full outsourcing, business tradizionale di Cse basato su un modello e logiche ormai consolidate, si può dire che, in generale, laddove si parla di esternalizzazione di processi, la relazione con le banche sta evolvendo sempre più verso una logica di partnership, con condivisione degli obiettivi, ma anche dei rischi, sia operativi che economici. Non esiste, in realtà, un modello di riferimento, ma si ricercano soluzioni coerenti con le esigenze di ogni realtà con l’obiettivo di allineare le soluzioni fornite dall’outsourcer agli obiettivi dei clienti».
      Proprio in relazione agli obiettivi dei clienti, Cse rileva come le banche siano particolarmente interessate, in questo periodo, agli ambiti collegati alla trasformazione del proprio modello di business: ricerca e differenziazione dei ricavi e gestione dei crediti. «Il primo ambito genera un forte interesse verso le soluzioni utili alla gestione del risparmio: la maggiore focalizzazione verso la clientela affluent unita a soluzioni tecnologiche e di processo industrializzate portano a dare accesso a soluzioni di advisory evolute rivolte a fasce di clientela sino a poco tempo fa non gestibili. Per quanto riguarda i crediti, invece, osserviamo un ricorso sempre più frequente a soluzioni volte a una gestione attenta degli assorbimenti di capitale e alla generazione di liquidità: cartolarizzazioni, conferimenti e trading di portafogli».

      L’expertise “bancaria”
      In Cse, il ruolo fondamentale è ovviamente ricoperto dalle proprie persone. Anche in questo caso, spiega l’amministratore delegato: «Possiamo vantare una lunga esperienza unita a una complementarietà di ruoli, che permettono di affrontare i temi posti dai clienti in modo trasversale e con la capacità di fornire advisory con la competenza di chi segue oltre 120 clienti che spaziano in tutti gli ambiti del settore del credito e della finanza». Inoltre, elemento non trascurabile, è il fatto che molte risorse hanno esperienze, precedenti a Cse, in banca: «Questa caratteristica rappresenta un elemento importante, poiché ha contribuito a formare le risorse molto di più sotto l’aspetto funzionale e meno sotto quello tecnico, quindi più in sintonia con il business e gli obiettivi dei propri clienti».

      Dal peer to peer alla consulenza: casi di successo
      Cse può raccontare diversi casi di successo che ha portato a termine negli ultimi mesi. Tutti sono accomunati da un’impostazione – valida trasversalmente che parte dalla capacità di mettere insieme diverse componenti, integrando sistemi propri, di terze parti e il back-office, per un processo end to end in tempi rapidi e con uno sguardo attento alla compliance.
      «Esempi recenti sono lo startup di iniziative di pagamento peer to peer, nuove banche che hanno iniziato a vendere conti deposito online passando da qualche unità a oltre 250 rapporti al giorno, e iniziative di successo in ambito consulenza finanziaria, che hanno permesso a un primario cliente di crescere nelle masse, di circa 5 miliardi di euro in un anno».
      In tutti i casi, e con tutti i clienti, Cse porta in dote le sue qualità distintive, in termini di flessibilità dei sistemi, integrazione dei processi, competenze delle risorse e governance. «Questi elementi ci rendono unici: in Cse, infatti, il consiglio di amministrazione è composto solo da figure apicali di banche clienti; questo è un driver molto efficace per coordinare le attività dell’outsourcer con le strategie evolutive delle banche», conclude Lombardi.
  • CSE Consorzio Servizi Bancari Soc.Cons.a r.l.
  • Via Emilia 272
  • 40068 S. Lazzaro di Savena BO - Italy
Vittorio Lombardi, Amministratore Delegato di CSE

Vittorio Lombardi, Amministratore Delegato di CSE

Write us to be into TopVendors!

I confirm that you have read the privacy policy .

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

Designed by f14web.pro & carchidio.com

This site uses cookies to ensure its functionality and facilitate navigation to users, according to the Cookie Policy. By clicking " agree " you are agreeing the use.