Guida alle soluzioni e ai Servizi per il mondo finanziario.

Corvallis SpA

    • Digital capabilities, la frontiera di Corvallis

      Oltre i Big Data e le app, c’è un modo nuovo di pensare alla relazione banca-cliente e alle operazioni correlate, che parla il linguaggio dei Social e propone nuove esperienze di business

      Come un vero partner strategico, Corvallis sta orientando la sua attività seguendo diverse direttrici, che sono supportate sia dagli esiti dell’attività di ricerca e sviluppo, che delle richieste che le provengono dai clienti. Innanzitutto, come spiega Daniele Melato, Direttore Generale: «Stiamo sostituendo le app e gli accessi a Internet con una logica Social; si pensi alla pubblicità televisiva di un gruppo bancario che proponeva di “aprire il conto con un selfie”. Ebbene, la logica è proprio questa. Ci siamo infatti accorti che, sul mercato, sono a disposizione tantissime app, forse troppe, che alla fine vengono usate da pochi utenti e non danno riscontri di business. Per questo motivo stiamo puntando sul Social. Grazie alle nostre competenze in tema di compliance – compreso l’anticiriciclaggio – consentiamo l’apertura di un conto a distanza. Per giungere a questo risultato abbiamo prima effettuato uno studio a livello mondo su 30 banche che già operavano in questa modalità. Oggi, in massimo un’ora è possibile censire un nuovo cliente, anagrafarlo e consentirgli di operare». Il nuovo strumento abilitante messo a punto da Corvallis è una chatbot di proprietà, verticalizzata per ogni operazione o linea di business: si pensi, per esempio, al caso dei dati anagrafici che periodicamente devono essere verificati da parte della banca. Attraverso la semplice chat è anche possibile fornire la vendita di una copertura assicurativa, la prenotazione di una visita, l’esecuzione di un Instant Payment e così via. «Con questo sistema, il Social “chiama” il Social della banca o dell’azienda e il cliente invia e riceve la documentazione attraverso questo canali. Senza che vi siano problemi o criticità in merito ad autentication o rispondenza alle normative. Non è necessario scaricare nessuna app, né navigare sul web». La piattaforma prende il nome di S4B - Social For Business.

      Una trasformazione che parte dai fondamentali
      Quello che è stato appena raccontato è un tassello di un percorso di cambiamento che sta investendo Corvallis sia per quanto riguarda prodotti e servizi, che per quanto riguarda la sua struttura interna. «Ciò a cui stiamo lavorando – spiega Melato – è la digital transformation. Che deve investire anche la nostra struttura, oltre che le soluzioni innovative. Questo comporta un ragionamento ampio e avveniristico anche per quanto riguarda temi che si stanno facendo strada. Penso per esempio agli Instant Payment: anche in questo caso, intendiamo applicare una logica Social. E la nostra proposta raddoppia». Melato precisa che l’azienda è adesso in grado di proporre sia l’Instant Payment in modalità classica, insieme alla società CodiceWeb, certificata Eba: in questo caso, Corvallis si inserisce tre le applicazioni della banca e la rete di pagamento e consente la transazione entro i 35 secondi previsti. La seconda proposta prevede che Corvallis metta a disposizione uno strumento che bypassa le applicazioni, effettua l’operazione e poi le adegua in modalità batch. «Questo è il modello spinto che proponiamo e che può prevedere, un domani, anche il disegno di una “Banca Social”. Per questo ho anticipato che la digital transformation deve essere anche nostra, perché dobbiamo proporre le soluzioni in modo nuovo». Verticalizzare la chatbot all’interno dei processi del cliente significa che non è necessario sviluppare software, né mantenerlo. Questa soluzione è già allo studio di alcuni istituti e nuovi progetti prenderanno vita nei prossimi mesi. «Si tenga conto che, nel caso dell’Instant Payment, dovendo solo interfacciare i verticali dei clienti, un progetto può anche partire nel giro di una settimana».

      Così “emergono” le correlazioni tra i dati
      Un’altra area nella quale Corvallis è impegnata è quella relativa alla gestione dei dati. È attivo, presso il laboratorio di ricerca di Lecce, un progetto, del valore di cinque milioni di euro, che sta mettendo a punto uno strumento che “spazzola” ogni database per trovare le relazioni tra i vari item: relazioni di diverso grado, tra nomi e oggetti, nomi e prodotti, nomi e altri nomi. «Il lavoro di ricerca delle correlazioni viene eseguito nei database interni ed esterni dei clienti. Grazie alle connessioni trovate – informazioni che molto spesso l’azienda non sa nemmeno di possedere – è possibile strutturare azioni di marketing, verifica compliance, ... Il tutto senza che i dati vengano spostati dal loro luogo di stoccaggio». La soluzione “Mama”, che scaturisce dalle attività di ricerca degli ultimi due anni, lavora su grosse moli di dati e verrà in futuro utilizzata anche nell’ambito dell’antiriciclaggio.

      Focus sulla consulenza
      Il terzo ramo “strategico” su cui Corvallis sta investendo è infine relativo alla consulenza. Nei prossimi mesi verrà creato un soggetto che proporrà non solo tecnologia, ma anche team dedicati all’analisi dei processi di business e organizzativi, per un presidio end to end del cliente. «Intendiamo proporci, oltre che come “ricercatori”, anche come “pensatori”», commenta Melato. Allo scopo, e per agevolare le trasformazioni appena raccontate, l’azienda ha intenzione di inserire in organico altre competenze. E di strutturare queste stesse professionalità in modo verticale. «Abbiamo in mente di costituire fabbriche trasversali, con specialisti che possano seguire il cliente non più a livello di direzione commerciale o delivery, ma per tema; penso alla blockchain, o alla gestione dei Big Data; a ModeFinance, l’agenzia di rating specializzata nella valutazione del rischio di credito di banche e aziende di cui siamo soci».

      Ricerca, prima di tutto
      Corvallis, riconoscendo il valore aggiunto della ricerca e sviluppo, ha iniziato già dal 1997 un percorso d’investimenti sia interni sia cofinanziati da enti regionali e nazionali. Il settore di Ricerca e Sviluppo oggi conta su circa 40 ricercatori che operano nei quattro laboratori di Padova, Reggio Emilia, Lecce e Caltagirone (CT), ai quali viene destinato il 20 per cento dell’Ebitda. Le attività comprendono lo sviluppo di nuovi prodotti/soluzioni nel campo dei Big Data, degli strumenti per la ricerca semantica, per la gestione delle firme e per la Business Intelligence, di nuovi servizi nell’area del document management, di algoritmi innovativi per l’analisi territoriale e di tecnologie applicate alla gestione e fruizione di dati del cultural heritage. Alcune figure chiave del gruppo di R&S dell’azienda hanno svolto recentemente dei percorsi di formazione relativi al programma Europa 2020 e in particolare ai bandi Horizon 2020 organizzati dall’Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea (APRE) e da Europa Cube Innovation Business School.
    • Digital capabilities, the frontier of Corvallis

      In addition to Big Data and apps, there is a new way of thinking about the bank-customer relationship and correlated transactions, which speaks the language of Social Media and proposes new business experiences

      As a real strategic partner, Corvallis is orienting its operations by following different guidelines, supported by both the results of research and development activities and the demands of the customers.
      Above all, as General Manager Daniel Melato explains, "We are replacing apps and accessing the Internet with a Social Media logic. Think of the television advertisement showing a banking group offering to 'open an account with a selfie'. Well, the logic is just that. We realised, of course, that there are many apps available on the market, perhaps even too many, which are ultimately used by only a few users and do not result in any return business. That is why we are focusing on Social Media. Thanks to our skills in terms of compliance - including anti-money laundering - we permit the remote opening of accounts. To achieve this result, we first conducted a worldwide study on 30 banks that were already operating in this mode. Today, it is possible to check and register a new customer then have everything up and running in a maximum of one hour." The new enabling tool developed by Corvallis is the company's own chatbot, vertically integrated for each business operation or line - for example, think of the case of data that must be periodically verified by the bank. Through simple chat, you can also arrange the sale of an insurance coverage, make an appointment, execute an Instant Payment and so on. "With this system, the Social Media platforms 'calls' the bank or company and the client sends and receives documentation through this channel. This is without there being any problems or concerns about authentication or regulatory compliance. It is not necessary to download any apps or browse the web." The name of the platform is S4B - Social For Business.

      A transformation starting from the basics
      That which has just been recounted is a mere glimpse on the pathway of change in which Corvallis is investing both in terms of products and services, as well as in terms of its internal structure. "What we are working on," explains Melato, "is a digital transformation. We must also invest in our structure, as well as in innovative solutions. This involves a broad and futuristic reasoning even when it comes to themes in which headway is being made. For example, I think of Instant Payment: even in this case, we intend to apply a Social Media logic. And our offering is doubled." Melato clarifies that the company is now able to offer both Instant Payment in classical mode, along with the company’s CodiceWeb, being EBA certified. In this case, Corvallis combines three applications of the bank and the payment network and permits the transition within the expected 35 seconds. The second proposal sees Corvallis providing a tool that bypasses the applications, performs the operation and then adapts them to batch mode.
      "This is the motivated model that we propose and which foresees, in the future, even the designing of a 'Social Bank'. That is why I anticipated that digital transformation should also be ours, because we have to propose solutions in a new way."
      Verticalising the chatbot within client processes signifies not having to develop software or maintain it. This solution is already in the hands of certain institutions and new projects will come to life in the coming months. "Please note that in the case of Instant Payment, having only to interface with customer verticals, a project may even start within a week."

      Thus 'emerge' the correlations between the data
      Another area in which Corvallis is involved is in data management. A five-million-euro project is underway at the Lecce Research Laboratory, a project which is developing a tool that 'combs' every database to find the relationship between the various items: relationships of various degrees, between names and subjects, names and products, names and other names. "The research on correlations is performed in the internal and external databases of the customers. Thanks to the connections found - information that very often the company does not even know it possesses - it is possible to structure marketing actions, ensure compliance... All without the data being moved from its storage place." The "Mama" solution, which results from the research of the last two years, works on large databases and will also be used in the future in the anti-money laundering field.

      Focusing on consultancy
      The third "strategic" branch on which Corvallis is investing is ultimately related to consultancy. In the coming months, a subject will be created that will propose not only technology, but also teams dedicated to business and organisational processes, for end-to-end customer protection. "We intend to promote ourselves not just as 'researchers', but also as 'thinkers'", says Melato. For this purpose, and to facilitate the transformations just mentioned, the company is focused on incorporating other skills into the organisation and to structure these same professionalisms vertically. "We have in mind the creation of transversal factories, with specialists who can accompany the client no longer at the level of commercial management or delivery, but by topic. My mind turns to blockchain, or Big Data management, to ModeFinance, the rating agency specialising in credit risk assessment of banks and companies to which we belong."

      Research, above all else
      Corvallis, recognising the added value of research and development, commenced as early as 1997 on a path of investment, both internally and co-financed by regional and national entities.
      Today, the research and development sector has about 40 researchers working in the four laboratories of Padua, Reggio Emilia, Lecce and Caltagirone (CT), to which 20 percent of the EBITDA is allocated. Activities include the development of new projects/solutions in the field of Big Data, semantic search tools, signature management and Business Intelligence, of new services in the field of document management, innovative algorithms for the territorial analysis and technologies applied to the management and use of cultural heritage data.
      Some key figures of the company's R&D team recently conducted training courses relative to the Europe 2020 programme and, in particular, the Horizon 2020 tenders organised by APRE (the Agency for the Promotion of European Research) and the Europa Cube Innovation Business School.

  • Corvallis SpA
  • Via Savelli, 56
  • 35129 Padova PD - Italia
Daniele Melato,Direttore Generale di Corvallis

Daniele Melato,
Direttore Generale di Corvallis

Scrivici per essere su TopVendors!

Confermo di aver letto la normativa in materia della privacy e trattamento dei dati personali.

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

Designed by f14web.pro & carchidio.com

Questo sito utilizza cookies per garantire le proprie funzionalità ed agevolare la navigazione agli utenti, secondo la Cookie Policy. Cliccando "Acconsenti" l'utente accetta detto utilizzo.